Il romanticismo ed il bon ton di Barbara Furfari sino al 5 giugno

Il romanticismo ed il bon ton di Barbara Furfari sino al 5 giugno

Barbara Furfari: Seduzione

Barbara Furfari: Seduzione

Si svolgerà sino al 5 giugno, Histoire romantique, la personale della pittrice ligure Barbara Furfari con cui prosegue la fortunata ed apprezzata stagione espositiva primaverile del Nyala Suite Hotel. Tele, acquerelli e lastre da incisione ci condurranno in atmosfere incantate e bon ton, tra figure e ritratti dal sapore antico, risultati della personalità romantica e sognatrice di Barbara Furfari. Fin da bambina l’artista, nata ad Albenga nel 1971 dove vive e lavora, evidenzia una spiccata sensibilità per il mondo dell’arte (compresa la danza) ed i primi lavori sono raffigurazioni di mosaici e figure costruiti con linee geometriche ben studiate, principalmente di colore bianco e azzurro. Il suo percorso artistico prosegue con lo studio della danza classica e con l’iscrizione ad una scuola di pittura di Albenga. Studia con i migliori maestri di pittura ad olio, acquerello ed incisione (antica tecnica di stampa tramandata fino a noi dal XV secolo), acquisendo padronanza delle varie tecniche pittoriche e del disegno dal vero, compreso il nudo. Da qui il passaggio dall’informale al figurativo. Il suo percorso è un continuo studio, finalizzato alla creazione di un proprio stile che le consenta di far emergere pienamente la sua personalità. Ha partecipato a numerose rassegne e concorsi ottenendo premi, consensi della critica e di pubblico, pubblicazioni su giornali, riviste d’arte e libri.

Barbara Furfari: fanciulla

Barbara Furfari: fanciulla

“In Histoire romantique – spiega la dottoressa Cassini, ideatrice e curatrice della mostra – meritorie di particolari attenzione sono le incisioni che testimoniano l’attenzione per il tempo e la memoria presentandosi come onirici tableaux vivants. La lastra è utilizzata con funzione di supporto e registrazione delle azioni entro atmosfere che recuperano il tempo perduto utilizzando il lessico antico per raccontare il nuovo: i pizzi macramé sono segno di bravura, le punte delle ballerine sono etereo strumento di elevazione. Autorevolezza tecnica e ottima sensibilità poetica raccontata ricamando sopra lastre o carta da carboncino un intreccio di pizzi sangallo, crochet e valenciennes vero e proprio intarsio in cui il gioco sottile delle ombre e delle luci dà al bianco e nero tutto il suo valore poetico”.

Barbara Furfari
Histoire romantique

Sale d’arte del Nyala Suite Hotel
via Solaro 134 – Sanremo
Tutti i giorni, dalle ore 10 alle 19.  Ingresso libero.